Turbine eoliche sotto ponti

Ci sono due categorie di ponti: quelli che valicano un ostacolo, una ferrovia, una strada, un corso d'acqua e quelli che in quota attraversano una valle.

I primi hanno una altezza relativamente contenuta.

I secondi possono avere altezze rilevanti, sono ponti stradali, autostradali, ferroviari che collegano in alto due versanti di una valle, sono opere ardite che, sotto di loro, lasciano liberi spazi enormi.

Le turbine eoliche sotto il ponte necessitano di altezza per funzionare al meglio.

Il ponte porta persone, veicoli, linee elettriche, condutture di ogni genere. Non vi è motivo perché non porti generatori eolici di energia.

Caratteristica dei ponti è la sicurezza, in Europa ponti dell'antica Roma sono ancora oggi funzionanti in piena sicurezza.

Le turbine eoliche brevettate, montate sotto il ponte, non hanno pale e parti che possano staccarsi e cadere, sono compatte e potenti, occupano spazi altrimenti inutilizzati, non sono invasive e non sono pericolose per la navigazione fluviale ed aerea.

Le turbine eoliche nel ponte sono segregate e non raggiungibili, se non da addetti, non richiedono alcuna installazione sopra il ponte e non sono visibili da sopra il ponte.

Le turbine eoliche integrate nel ponte non richiedono costi aggiuntivi per il loro sostegno in quota.

Anche in posti impervi, è agevole ed a costi contenuti trasportare l'energia prodotta dalle turbine sul ponte, poiché sul ponte vi è una strada o una ferrovia ed attraverso queste vie viene trasportata l'energia elettrica. Inoltre è agevole raggiungere l'impianto eolico sul ponte per controlli e manutenzione.

Infine le turbine eoliche Wit progettate non sono semplicemente giustapposte sul ponte, bensì le turbine eoliche sono integrate con il ponte e con esso formano un impianto eolico articolato potente ed affidabile.

Nella struttura del ponte è integrabile un impianto di stoccaggio di energia meccanica potenziale.


Brevetto rilasciato